Maggio '94 memorabile "anteprima"

 


 

   
Migliaia di persone provenienti da tutta Europa (ma una delegazione è arrivata anche dagli Stati Uniti) hanno partecipato l'8 maggio scorso alla grande commemorazione annuale di Mauthausen, nel 49 anniversario della liberazione del campo.

 

 
Decine di ragazzi portavano appuntato sui vestiti il disegno con la colomba proposto dallo scorso numero del nostro giornale, e portavano lo striscione "Diamo alla memoria un futuro" "inaugurato" sotto il diluvio il 25 aprile scorso alla manifestazione nazionale di Milano.

 

   

Una giornata sottolineata da un sole splendido, una specie di prova generale, di anteprima degli importanti appuntamenti che il comitato internazionale di Mauthausen sta predisponendo per il Cinquantesimo della liberazione.

Tantissimi i giovani, provenienti dalla Polonia, dalla Russia, dalle repubbliche Ceca e Slovacca, dall'Albania, e soprattutto dall'Italia, accanto agli ex deportati del campo e alle rappresentanze ufficiali degli eserciti alleati e deilà Repubblica austriaca.

 

 


 

 

Lo scrittore

Il campo di Mauthausen e la Scala della morte viste con gli occhi di Claudio Magris

 

I ragazzi

Parlano alcuni studenti torinesi di ritorno da un viaggio attraverso alcuni Lager austriaci