no slider

DA OLTRE 25 ANNI

PRIMI TRA GLI ULTIMI, A FIANCO DEI PIU’ DEBOLI

PER L’UGUAGLIANZA DEI CITTADINI DI FRONTE ALLA LEGGE

CONTRO TUTTE LE MAFIE!

 

Il Movimento per la Giustizia Robin Hood è una libera associazione di volontariato riconosciuta, senza padrini politici e bandiere di partito, che si propone di affermare in concreto il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e di difendere le parti più deboli da ogni forma di abuso di potere, diffondendo un’etica universale dei diritti umani e la cultura della legalità.

L’Associazione è nata da persone comuni di ogni età e condizione sociale che, a partire dal 1986, hanno denunciato la speculazione edilizia a Milano e la cementificazione della città, nonché le commistioni tra affari, mafia, politica, massoneria e magistratura, comprendendo non possa esistere vera libertà senza Vera Giustizia.

Uomini liberi costretti a scendere in campo per rispondere al vuoto desolante di tutela in cui versano i cittadini, lasciato dalla politica asservita agli interessi delle lobby e dei poteri occulti che hanno occupato le istituzioni, soffocando la democrazia, al fine di assicurare un futuro alla terra in cui tutti viviamo e ai propri figli, in un mondo senza mafie e senza guerre.

E’ l’Associazione che, a partire da Milano, ha dato impulso al fenomeno di “mani pulite”, raccogliendo in tutta Italia, oltre 250.000 simpatizzanti e firme per la confisca dei patrimoni illeciti di tangentisti e mafiosi.

Consapevoli che dal secolo scorso è stato realizzato un sistema planetario socio-economico-politico-militare complesso capace di dominare, condizionare e indirizzare le politiche delle Nazioni e le stesse scelte dei governati, realizzando ciò che in sociologia viene definito “controllo sociale” ovvero il consenso, ma soprattutto il “dissenso”, onde mantenere inalterati i privilegi di pochi sulla massa dei cittadini-sudditi.

L’Associazione si propone di costruire un network di tutte le Associazioni che si adoperano contro ogni forma di abuso e ingiustizia, capace di denunciare oltre i confini nazionali con maggior forza e incisività violazioni di diritti fondamentali e condizioni di vita inaccettabili, costruendo un'autentica democrazia dal basso in cui individui e popoli si uniscono per capovolgere il rapporto tra «Stato e persona umana».

Nell'edizione 2011-2012 "Speak Truth To Power: Coraggio Senza Confini" pubblicata dalla Fondazione Kennedy of Europe, e' l'Associazione indicata quale "eroe nazionale", legata alla figura di Vera Stremkovskaya, avvocatessa bielorussa perseguitata dalla magistratura filo-gorvernativa per le sue attivita' in difesa dei sogetti piu' deboli: manuale diffuso in oltre 250.000 copie nelle scuole ove vengono indicati i difensori dei diritti umani di ieri e di oggi che stanno cambiando il mondo.

E' il primo movimento organizzato nonviolento autenticamente super partes, a tutela della legalità e dei principi di giustizia, a cui ogni spirito libero è chiamato dare il proprio apporto personale, in rapporto alle sue specifiche capacità.



Pubblicità allo spettacolo “Progetto Futuro” che si teerà Mercoledi’ 23 Settembre.

Clicca il bottone per vedere la licandina

Guarda la locandina



Maurizio Belpietro e Andrea Scaglia rinviati a giudizio per diffamazione contro il presidente del Movimento per la Giustizia Robin Hood

Il 27 Nov. 2013 Libero pubblicava un articolo dal titolo "Un pazzo aggredisce Berlusconi", per cui è stato disposto il rinvio a giudizio per diffamazione aggravata di Maurizio Belpietro e Andrea Scaglia. In prossimità del processo che si terrà lunedi 24 febb. 2014 avanti alla X sez. penale del Tribunale di Milano, ecco il video di come, in verità, Pietro P. Giovannetti, presidente del Movimento per la Giustizia Robin Hood, è stato sequestrato dalla Digos per il solo fatto di aver espresso il suo pensiero. Non solo si possono constatare la falsità scritte da Libero, ma di come Palau Giovannetti, non abbia neanche visto Berlusconi, che si trovava all'interno del Tribunale, durante il suo fermo illegale...

Leggli l'articolo

 


DA ROMA AD ATENE UNITI CONTRO LA DITTATURA FINANZIARIA!

Sabato 30 novembre 2013
Sala conferenze Hotel Massimo d’Azeglio
Via Cavour 18 Roma

ASSEMBLEA CONSULTA NAZIONALE ANTIUSURA/ANTICRISI

Sabato 30 p.v., dalle ore 10 alle 18, si svolgerà l’Assemblea delle Associazioni aderenti alla Consulta Nazionale Antiusura e Anticrisi che intendono richiamare l’attenzione sull’assoluta impunità di cui godono le caste dominanti che non pagano mai per i loro errori, in forza di vincoli occulti di stampo lobbystico-massonico-finanziario, e lanciare un’iniziativa referendaria per azzerare il debito pubblico come in Islanda, sollecitando misure di sospensione dei procedimenti esecutivi per le prime case e le aziende in difficoltà.

Leggli l'articolo

STORIA DELLA PERSECUZIONE MASSONICO-GIUDIZIARIA DEL MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA ROBIN HOOD

(da “Il Ruolo del Volontariato in funzione del Rapporto dei Cittadini con la Giustizia. Stato e Mafia come unico Sistema” di Pietro Palau Giovannetti)

Il “Movimento per la Giustizia Robin Hood” è una Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (Onlus), riconosciuta con decreto del Presidente della Regione Lombardia, n. 369/99, a seguito di due sentenze del T.A.R. (in un duplice procedimento per obblighi di fare e nomina di Commissario ad acta), che hanno condannato per due volte consecutive l’Ente resistente (Regione Lombardia), ad iscrivere l’Associazione nel Registro Generale del Volontariato, sezione B) Civile, con effetto retroattivo dal 14.7.98, oltre al pagamento delle spese processuali, stante la temerarietà della resistenza opposta all’esecuzione della prima sentenza (sentenze T.A.R. Lombardia, Sezione III, nn. 2793/98 e 1189/99).

Leggli l'articolo

A TESTA ALTA! IN CARCERE PER AMORE DELLA VERA GIUSTIZIA

Buon Giorno!

Sono Pietro Palau Giovannetti, presidente del Movimento per la Giustizia Robin Hood e della rete "Avvocati senza Frontiere", nonché direttore responsabile del giornale on line www.lavocedirobinhood.it (1), Enti no profit che dirigo da oltre 25 anni, battendomi in prima persona per l'affermazione del principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e una giustizia pulita libera da mafie, partiti, logge massoniche e corruzione.

Con questa video-mail mi permetto di richiedere la solidarietà di tutti gli spiriti liberi e le persone oneste, perché tra qualche giorno sarò tratto ingiustamente in arresto, senza aver mai commesso alcun reato, se non quello che non può certo considerarsi tale, di aver denunciato, sin dai tempi di "mani pulite", la dilagante corruzione politico-giudiziaria e gli abusi nei confronti dei soggetti più deboli che non hanno mezzi o stuoli di avvocati prezzolati, in grado di condizionare le istituzioni, ostacolando il regolare corso della Giustizia.

Leggli l'articolo

COSA SI INTENDE PER "MASSOMAFIA"

Il termine sincretico «massomafia» non viene quasi mai utilizzato dai mass media, nonostante sia stato coniato da uno dei più eminenti studiosi del fenomeno, ovvero dal Prof. Giuseppe D'Urso, eroe sconosciuto, Presidente per la Sicilia dell'Istituto Nazionale di Urbanistica e docente universitario che, dagli anni '80, per primo, grazie alle sue ricerche, svolte in ambito istituzionale, svelò lo stretto connubio fra mafia, massoneria e sistema giudiziario, quale «collante» del controllo politico-economico-mafioso del territorio, denunciando inascoltatamente i cavalieri catanesi, i magistrati corrotti al loro servizio, gli appalti e le connivenze politiche-affaristiche, indicandoci che le mafie, ieri come oggi, non sono una patologia tipica delle Regioni del Sud Italia, ma un vero e proprio «braccio armato» di un regime corrotto, un «male endemico» diffuso e istituzionalizzato, protetto e organizzato su basi ben precise, espressione di una parte consistente della classe dirigente locale e nazionale. Quella che, negli ultimi decenni, sino alle più recenti vicende sulla P3 e P4, è emerso essere, in maniera sempre più nitida, collegata a doppio filo, a consorterie di stampo massonico, cricche, gruppi occulti di pressione, Opus Dei, Cavalieri di Malta, Illuminati, Bilderberg...

Tratto da: "Massomafia: Mi dicevano di lasciar perdere. In onore di Giuseppe D'Urso"

Leggli l'articolo